dima
  • Alpinismi

    Progetto realizzato in collaborazione con il fotografo Roberto Boccaccino Il corpo degli alpini è quello che, all’interno dell’esercito italiano, vanta forse l’iconicità maggiore. L’immaginario che si è costituito intorno ad esso, pur essendo ben definito, è tra i più eterogenei delle forze armate. Da un lato le brigate alpine costituiscono “unità militari di proiezione” tra le più addestrate ed efficaci, dall’altro la loro lunga storia ha prodotto e nutrito una serie di tradizioni, di canti, di accessori e orpelli, eventi ed adunate, tutti raccolti sotto un cameratismo e una goliardia quasi eccezionali. Alpini si diventa e si resta per sempre, a quanto pare. anche al di là della leva, al di là delle missioni all’estero, del congedo e del lavoro che eventualmente si intraprende dopo aver prestato servizio. e soprattutto, alpini si resta anche oltre l’immagine codificata e iconica del soldato e dell’eroe, dell’uniforme e della storia che circonda tutto questo. In questa serie fotografica l’immaginario degli alpini viene scomposto e le sue parti messe a dialogo, con risultati talvolta ironici. l’orgoglio e l’addestramento, la compostezza e la dedizione per l’arma vanno così ricercate in volti che, sotto il cappello pennato, ci raccontano già tutt’altre storie. Proiettato durante SIFestOFF2015